I territori dell'Africa australe attraversati e rimodellati da mobilità complessa

I territori dell'Africa australe sono attraversati da flussi migratori complessi che rimodellano il paesaggio. Questi flussi sono globali e regionali e riguardano sempre più il turismo. Essi comportano sfide importanti, come la gestione dei rifugiati e i problemi ambientali. Quali sono i principali flussi migratori e le principali mobilità nell'Africa australe? Quali sono le sfide generate da questi flussi?

I flussi migratori nell'Africa australe e le loro conseguenze

La maggior parte dei flussi migratori avviene all'interno dell'Africa australe, tra i vari paesi. Sono flussi migratori regionali. Alcuni territori sono più attraenti, hanno più risorse e lavoro. I flussi migratori sono motivati anche da ragioni politiche. Il Sudafrica è il principale paese di accoglienza della regione. Le migrazioni sono sempre più importanti dalla campagna verso la città, motivate soprattutto dalla ricerca di un impiego. Si parla di esodo rurale. Queste migrazioni colpiscono soprattutto i più giovani. Inviano denaro alle loro famiglie rimaste nei villaggi. Questi giovani possono ritornare regolarmente in campagna. Le migrazioni internazionali riguardano anche l'Africa australe. Si contano circa 6 milioni di migranti internazionali (4 volte di più che negli anni 2000) che si sono stabiliti nell'Africa australe. Hanno profili diversi. Si notano anche numerose migrazioni dall'Africa australe verso l'Unione europea o la Cina.

Aumento della mobilità turistica

I principali siti turistici in Africa australe sono siti naturali. In Sudafrica esistono oltre 200 riserve e parchi faunistici, 17 dei quali sono tra i parchi nazionali più grandi dell'Africa. Altri siti attirano turisti in Africa australe, in particolare le città e le coste. Il turismo urbano riguarda essenzialmente Johannesburg e Città del Capo, che sono le due città africane più visitate.Il turismo di massa riguarda soprattutto il Sudafrica, che è una destinazione privilegiata nell'Africa australe. Anche il Mozambico o lo Zimbabwe sono sempre più visitati. Sono stati realizzati numerosi progetti e iniziative a favore dello sviluppo dell'ecoturismo.