L'asma

L'asma è una malattia caratterizzata da infiammazione più o meno importante delle vie respiratorie, a livello dei bronchi e dei piccoli bronchi, i bronchioli. Si traduce in difficoltà respiratorie, respiro affannoso, respiro affannoso o sensazione di oppressione nel torace.

L'asma è una malattia cronica che si manifesta il più delle volte da crisi intervallate da periodi in cui la respirazione è normale. In alcune persone, tuttavia, l'asma induce disagio respiratorio permanente interferendo con le attività quotidiane.

L'asma è spesso legata a una reazione anormale delle vie aeree a vari stimoli (allergeni nell'aria, fumo, ...).

Prevalenza

Dagli anni '60, l'asma è in costante aumento nei paesi industrializzati, dove si stima che dal 5 al 10% della popolazione francese, cioè circa 5 milioni di persone soffra di asma a vari livelli ( 6,7% nel 2009 ). Le donne sembrano leggermente più colpite degli uomini (9,4 % contro 6,7 %). Due periodi della vita sembrano più propizi all'insorgenza dell'asma: l'infanzia e l'inizio della quarantena.

Un bambino su 8 che ne è affetto (tra l'8 e il 12% dei bambini di 11 anni) presenta sintomi di asma. È la prima malattia cronica del bambino. Fortunatamente, circa la metà di questi bambini diventeranno completamente asintomatici durante l'adolescenza. Essi rimarranno comunque persone a rischio.

Cause

Le cause dell'asma non sono ben note, anche se si sa che esistono fattori di rischio genetico e ambientale. L'infiammazione delle vie respiratorie si traduce nella produzione di un muco spesso all'interno dei bronchi, il che ostacola la circolazione dell'aria. Parallelamente, i muscoli intorno ai bronchi si contraggono, provocando la «chiusura» dei bronchi (broncospasmo). È quello che causa il disturbo respiratorio.

L'asma è associata ad allergie respiratorie in circa l'80% dei casi, ma non è sempre di origine allergica. Nelle persone asmatiche si riscontra un'eccessiva sensibilità dei bronchi (iperreattività) a una o più sostanze.